Questa considerazione fatta dalla amica Martina sulla approvazione dela legge salvaberlusconi, merita di essere tramandata…

Considerando che quel nano di merda sarà al potere fino alla sua morte naturale, e per il dopo avremo tutta la schiera di figli di prime, seconde, terze quarte nozze, l’unica cosa da fare è andarsene. Questo è stato da sempre un

paese di razza bastarda, antropologicamente, politicamente, geograficamente. Poi ogni tanto arriva un cialtrone che si fa bello e conquista tutto il paese e faquel che vuole: un po come quando tiri le palline di mollica all’orso spelacchiato e quello, che sta in gabbia da vent’anni, ti adora per quel gesto magnanimo…

Io dovrei pensare di mettermi nei debiti per comprare una casa, mettere su famiglia, fare un figlio in questo paese? Dico, stiamo scherzando? Qui non c’è solo la fuga di cervelli, qui c’è la fuga e basta. Mi fanno ridere quelli che dicono “no, devi rimanere e combattere”. Si, ecco, bravi, combattete pure ma solo fino alle sette perché dopo c’è Affari tuoi e Il Grande Fratello….
ITALIANI DI MERDA!

Se vi dovessero pagare con un assegno, sappiate che nel nostro paese è carta straccia. Pur essendo un titolo di pagamento legittimo, i nostri simpatici bancari si guardano bene dall’accettarlo. Anzi, ti va bene se non ti guardano come un malavitoso.

La mia disavventura inizia con l’arrivo di una somma che un istituto bancario di prim’ordine mi doveva. Ovviamente, tra le condizioni del pagamento avevo ben specificato di versarmi la cifra sul mio conto corrente, fornendo le esatte coordinate bancarie. Bene, dopo 2 mesi circa, sorpresona, mi arriva l’assegno invece del bonifico. Intestato a me, clausola “Non trasferibile”. Ad un profano sembrerebbe inattaccabile. Provo subito ad andare a cambiarlo in una delle banche del mio paese. Alla mia richiesta di cambiare l’assegno, i cassieri mi guardano, guardano quel rettangolino di carta azzurrognolo, sgranano gli occhi e mi dicono: “ah no, quello non si può mica cambiare… Ma lei ha il conto qui da noi?” La tentazione è di rispondergli “ovvio che non ce l’ho il conto qui da voi, siete una associazione per delinquere finalizzata alla truffa, al raggiro, alla appropriazione indebita ed alla circonvenzione d’incapace!” ma mi trattengo, conto fino a tre e rispondo pacifico: “no, non ce l’ho, ma da nessuna parte sta scritto che io debba versarlo su un VOSTRO conto… Qui c’è scritto ‘Pagate a vista’…” Il cassiere non si scompone… “Ah no, io non glielo cambio…”. A nulla sono valsi i colloqui col direttore della filiale. Benissimo, anche se la cosa non mi va giù, gli chiedo obtorto collo di aprire un conto corrente da loro. La risposta è da fantascienza: “eh no, non glielo apriamo, tanto sappiamo che una volta incassato l’assegno lei lo chiude…”

Gli rido in faccia e prima di andarmene gli dico che se mi fossi azzardato io a fare un discorso del genere ad un mio cliente, sarei stato licenziato in tronco.

Stesso copione in altre 3 banche. Alla fine, stremato provo l’ultima carta: LE POSTE! Qui, oltre alla stesse risposte negative sulla possibilità di cambiare l’assegno o di aprire un conto, mi propongono di aprire un “libretto” e di versare li l’assegno. Gli chiedo in quanto tempo saranno disponibili i soldi in questo modo: EH UN MESE CI VORRA’SENZALTRO!

Mi metto l’anima in pace, sono le 18 e non ho voglia di incavolarmi oltre. Mi collego ad internet, vado sul sito delle poste, apro un conto corrente online. Nelle istruzioni mi viene detto di presentare il contratto allo sportello postale da me scelto per perfezionare l’apertura del conto.  Perfezionare è una parola grossa… infatti l’indomani mi presento all’ufficio postale da me scelto, nella città in cui lavoro. Prendo il bigliettino, E309. Sono le 13:08. Alle 14:15 finalmente è il mio turno (su 8 sportelli ne funzionavano più o meno due). Qui la cassiera mi guarda come per dire “ma come, hai aperto un conto online e ora vieni da me? ma che vuoi?”. Poi mi spiega: il contratto non doveva portarlo qui da noi, ma mandarlo all’indirizzo specificato nel sito, a Roma. Protesto: “ma come, e qui cosa c’è scritto?” e gli mostro la pagina del contratto in cui veniva specificato di andare all’ufficio postale col contratto. Mi spiega che il contratto va spedito alla sede delle Poste a Roma, e che per aprirlo ci vorranno una ventina di giorni…
Sono al limite della sopportazione, e gli chiedo: ma per aprire un conto corrente ORDINARIO? “Ah se vuole, possiamo farlo anche qui” mi spiega. “Basta prendere l’appuntamento con la collega che se ne occupa. Le va bene oggi pomeriggio alle 16?” Eh no, per la miseria alle 16 lavoro!  “Allora prendiamo un appuntamento per fine settimana prossima…” Va beh, lasciamo stare. Me ne vado.

Nel tragitto che dalle Poste porta al mio luogo di lavoro, ci sono 4 banche. La prima è un nome altisonante, addirittura il nome finisce per consonante, “….credit” invece di “credito”, come per apparire stranieri quindi potenti! Sono le 14:38 e c’è una piccola folla di gente fuori dalla porta ancora chiusa (doveva aprire alle 14:30). L’impiegata all’interno a gesti fa capire che “quello con le chiavi è in pausa pranzo, appena ritorna apriamo”… Io mi guardo intorno cercando di scorgere le telecamere di Scherzi a Parte. Ma non ci sono! Me ne vado. La seconda banca che incontro è un “Monte di Fiaschi”. Qui chiedo ad una impiegata le condizioni per aprire un conto corrente. Mi dice, testuali parole: “Un conto corrente? Aspetti, si guarda su internet cosa c’è…” Ma come? Non sai che cosa devi vendere? Devi andare a vedere su internet per sapere che conti correnti devi vendere? Già la vedo buia. Mi propone un conto online, zero spese, tutti vantaggi.. Peccato che non si possano versare assegni! Passiamo a qualcosa di ordinario, grazie! Un conto ordinario ci sarebbe, ma costa 6 euro al mese “se non sbaglio”, che possono diventare 4 se si versa anche lo stipendio….  Già mi sembrano una follia i 6 euro, ma chi se ne frega in fondo. Mi basta tenerlo aperto per un paio di settimane…  Tempi per l’apertura? “Eh bisogna sentire la mia collega. Prendiamo un appuntamento per la settimana prossima?” Lasciamo stare, guardi… E me ne vado.

La banca successiva è una Banca che fa riferimento all’antica terra degli Etruschi… Prendo il numerino, e quando tocca a me, l’impiegata mi manda dalla collega, negli uffici. Arrivo, e la vedo nel gabbiotto che parla al telefono. Ha davanti a se un cliente ed un altro che aspetta fuori. Già la vedo lunga la cosa… Ascolto per due minuti la conversazione telefonica: tutto fuorché argomenti di cui dovrebbe parlare una impiegata in banca… Capisco già che sarebbe tempo perso… Si sono fatte già le 15:10 ed io ho solo 20 minuti prima di rientrare al lavoro.

Esco, mi dirigo verso la quarta banca. Vediamo se qui troviamo una “Intesa”… Sono le 15:15 di venerdì pomeriggio ed è CHIUSA!

Non ho parole.

Anzi una parola ce l’ho. Mi sono rotto i coglioni. E’ Venerdì, sono incazzato, questi delinquenti mangiasoldi mi prendono per il culo, non ho neanche pranzato. Decido di aspettare oramai Lunedi. Nella mia pausa pranzo, uscirò dal lavoro e mi recherò nella sede della banca più vicina.

Se non mi vorranno cambiare l’assegno, chiamerò i Carabinieri.

Come diceva quella musichetta tanto simpatica? “L’Italia s’è desta”… Si, una volta!

Le televisioni del Presidente del Consiglio Trallazzoni cominciarono ben presto a martellare l’opinione pubblica. Fiutato l’affare, bisognava fare presto: il paese necessitava di una spinta innovatrice, maggiore energia a minor costo eccetera eccetera. In parole povere, qui c’è da mangiarci un bel po, vediamo di sbrigarci!

Il sito dove costruire la prima centrale nucleare fu trovato non senza difficoltà. Il presidente della Regione, quello della provincia, il Sindaco del comune prescelto, dopo le forti perplessità iniziali, sposarono con slancio la causa (il presidente di Regione adesso è Ministro dei rapporti con la Lapponia, quello della Provincia è sottosegretario alla coltivazione di colza con delega ai leguminacei ed il Sindaco, elettricista, è Rettore della Facoltà di Medicina della capitale). L’appalto per la costruzione della centrale se lo aggiudicò la Zamborlini S.p.A. con sede in Lussemburgo, impresa di proprietà del figlio Ministro dell’Industria, il milanese Zamborlini. Tra i requisiti richiesti, fecero all’inizio scalpore la necessità che il proprietario della ditta avesse il cognome che inizia per “Z” e l’origine lombarda della famiglia dello stesso. L’opposizione, finalmente compatta, gridò allo scandalo, ma solo fino all’ora di pranzo.

Tutti gli appalti furono assegnati in tempi brevissimi. L’appalto per la pulizia dei posacenere degli impiegati fu assegnato (30 milioni di euro annui) alla PuliNord della sorella del Ministro Fantucci,  quello per la manutenzione del giardino (75 milioni di euro annui) alla GiardiNord del figlio del Senatore Strozzavacca, i rifornimenti di bibite nelle macchinette automatiche (178 milioni di euro annui) alla SucchiaNord, ditta del figlio illegittimo della terza moglie del Ministro della Famiglia Santospirito.

Ed i lavori poterono iniziare.

La sfortuna, come spesso accade nelle grandi opere nel nostro paese, si accanì fin da subito. I lavori iniziarono e le ruspe partirono. Ma non appena la Zamborlini S.p.A. ottenne il primo pagamento (900 milioni di euro), purtroppo fallì. Si sa, il gasolio costa tantissimo le ruspe consumano molto…

Il secondo appalto fu vinto dalla Zamborlini Due S.p.A., con sede in Liechtenstein. L’opposizione scese in piazza unita gridando allo scandalo. Ma solo fino all’ora di pranzo.

Finalmente i lavori iniziarono, anche se all’inizio ci furono delle oggettive difficoltà: i progetti erano scritti in lingua Italiana, e la manodopera altamente specializzata (proveniente dai Centri di permanenza temporanea) parlava solo Pakistano, Tunisino, Libico. Gli ambientalisti cominciarono subito a denunciare le prime stranezze: i camion portavano all’interno del cantiere, invece di cemento ed acciaio, grandi quantità di cartongesso, polistirolo ed elastici. Ma dopo un colloquio chiarificatore con gli esponenti del governo, fu lo stesso portavoce degli ambientalisti a calmare gli animi. Poche ore prima di essere nominato direttore dell’ENEL.

La centrale fu pronta a tempo di record: invece dei dieci anni previsti ce ne impiegarono venti, e costò 14 volte l’importo previsto, ma venne fuori un vero gioiellino.

Alla cerimonia di inaugurazione, il governo al gran completo, le autorità, e la diretta TV a reti unificate. Gran discorso del Direttore della centrale, Salvatore Scognamiglio (solo casualmente figlio di Ciro Scognamiglio, il Ministro delle Telecomunicazioni), brillantemente promosso dopo aver condotto con successo la avviata Autofficina “Sport Racing” di Crotone. Presente alla inaugurazione anche il presidente Trallazzoni, 92 anni ma splendidamente portati, affiancato dalla compagna Ludmilla Pompashenko (19 anni a Luglio). Un attimo di imbarazzo quando la bottiglia di Champagne fatta partire da Miss Padania, Oana Petrescu, colpì la parete di uno dei Reattori: invece di rompersi, la bottiglia tirò giù un pannello di un materiale innovativo altamente tecnologico di rivestimento (a dire il vero ai presenti sembrò legno compensato).

Nei primi mesi di funzionamento, non si verificarono grossi problemi. Solo delle insignificanti fughe di liquido di raffreddamento, scarsamente radioattivo, le quali causarono l’ebollizione del fiume Ronzo e del lago Marzemino. Ma il governo pose subito in atto le contromosse: innalzarono per legge i livelli di tollerabilità alle radiazioni, e le TV del Presidente del Consiglio pubblicizzarono i benefici delle acque termali del lago Marzemino stesso. Quando cominciarono a nascere i primi bambini con due nasi, il TG1 inviò una troupe per dimostrare che l’aria nella zona era talmente salubre che la natura volle in tal modo aumentare l’areazione polmonare. La opposizione, indignata dagli avvenimenti, scese in piazza protestando unita, ma solo fino all’ora di pranzo.

La centrale si dimostrò subito all’altezza, e le soluzioni tecnologiche confermarono la sicurezza dell’energia nucleare. Anche le scorie venivano smaltite secondo i più severi standard internazionali (arrivo di un autoarticolato Iveco targato Caserta durante la notte, carico di bidoni e barre radioattive esauste, sua copertura con un telone, ripartenza del convoglio col saluto “uè dottò, ci pensamm’ noi…” e strizzata d’occhio).

Il fattaccio successe di notte. L’addetto alla sicurezza della centrale era impegnato in una mano di Texas Hold’em su internet,  e non si accorse che il sasso che aveva messo sopra al bottone che doveva premere ogni 2 minuti si era spostato. La temperatura dell’acqua nel reattore aumentò a dismisura, le valvole di sicurezza si aprirono ed il nocciolo radioattivo rimase scoperto. L’allarme non suonò, perché la ditta che si era aggiudicata l’appalto per la manutenzione delle sirene (90 milioni annui), la SireNord di proprietà del nipote del sottosegretario Ballanzani, purtroppo era fallita 8 anni prima e dagli altoparlanti fuoriuscivano solo i ragni. Si accorsero che qualcosa non andava quando le pareti di cartongesso del reattore crollarono e le protezioni (in polistirolo espanso) vaporizzarono in un attimo. L’addetto alla sicurezza, prese il megafono d’ordinanza e cominciò a correre per i corridoi urlando “viaaaaaaaa! fuoriiiiiiiii”, e presto la centrale fu evacuata dalle 150 persone che ci lavoravano attivamente. Le altre 14000 persone che figuravano a libro paga (i parenti fino alla terza generazione di tutti i deputati e senatori, le loro amanti, i figli delle loro amanti inclusi), si ritrovarono improvvisamente senza lavoro.

Fu deciso di minimizzare l’accaduto per non creare allarmismi: i TG del Presidente del Consiglio, ed giornali del Presidente del Consiglio annunciarono che la Centrale sarebbe stata fermata per dei semplicissimi controlli di routine. Le nuvole di vapore radioattivo ben presto raggiunsero l’intera Europa e causarono negli anni successivi morti e malformazioni. Ma in Italia di tutto questo non si seppe niente: le TV del Presidente del Consiglio ed i suoi giornali trasmettevano, almeno per i sopravvissuti, il Grande Fratello, il Campionato di Calcio, sceneggiati sulla vita di Padre Pino, tette, culi, cosce a profusione: non c’era posto per certe notizie faziose messe sicuramente in giro dalla opposizione.

E l’opposizione, compatta, volle scendere in campo per l’ultima volta, almeno fino all’ora di pranzo: ma non trovò nessuno da portare in piazza. Erano tutti morti.