Faccio una premessa. Di economia non ne capisco una beata mazza. Da persona comune riesco comunque a fare due conti, quanto basta per avere un minimo di idea se riuscirò ad arrivare a fine mese. Visto che, con cadenza annuale se non semestrale, il governo mi mette “fisicamente” le mani nelle tasche per tirarmi fuori i soldi per mantenere lo Stato, mi sono permesso di fare due conti anche io.

E’ notizia di pochi giorni fa che l’Italia per cercare di arginare la crisi, ha la necessità di trovare qualcosa come 47 Miliardi di Euro (parlando in Italiano: 91.000 Miliardi di Lire).

Da buon omino di casa, mi sono messo su internet ed ho cercato di capire, per pura curiosità, se è proprio necessario ogni volta mettere le mani nelle tasche degli italiani, con i soliti ticket sanitari, aumento della benzina e dei beni primari, aumento delle età per andare in pensione ed altre misure che, francamente, avrebbero anche un po rotto le scatole. Quello che è venuto fuori non ha bisogno di commenti. In mezzora, sono riuscito a fare quello che in 65 anni nessun governo ha mai fatto. Diamo una occhiata ai numeri che ho trovato:

VOCE DI COSTO COSTO ANNUALE (in miliardi di €)
Costi di mantenimento della politica 10,10
Fonte: http://www.uil.it/costi-perconferenza.pdf
Costo “Auto Blu” 21,00
Fonte:http://qn.quotidiano.net/politica/2010/05/27/337558-politica_sprecona.shtml
Missioni militari all’estero 1,70
Fonte:http://www.nigrizia.it/sito/notizie_pagina.aspx?Id=11071&IdModule=1
8×1000 alla Chiesa Cattolica 0,99
Fonte:http://it.wikipedia.org/wiki/Otto_per_mille (riferita al 2004, per gli anni successivi non sono stati fornite le cifre!!!)
Finanziamenti pubblici alle scuole private 0,25
Fonte: http://alterpensiero.altervista.org/attualita/3293/la-finanziaria-2011-regala-245-milioni-di-euro-alla-scuola-privata/
Detenuti stranieri nelle carceri italiane 1,20
Fonte:http://gericus.blogspot.com/2010/05/detenuto-straniero-quanto-mi-costi.html
Abolizione delle province 20,00
Fonte:http://www.aboliamoleprovince.it/blog/?page_id=4
TOTALE 55,24

Incredibile, vero? Pensate se ne capissi qualcosina di più di economia, cosa sarei in grado di fare… E pensate come mai tutti i ministri dell’economia che si sono succeduti non ci hanno mai pensato.

Ok, datemi pure del disfattista, del populista, del comunista, di tutti gli “..ista” che vi vengono in mente. Intanto, però frugatevi in tasca: Tremonti (che VOI avete fatto nominare ministro della Repubblica Italiana), è li con il sacchettino delle elemosine che vuole i NOSTRI soldi. Non i suoi.

Siccome aborriamo il carro dei vincitori e, appena vinciamo, cominciamo a starci un po’ sui coglioni anche noi, ringraziamo gli sconfitti che invece ci stanno simpaticissimi.

Grazie, B., per aver rilanciato tre anni fa il nucleare, affidandolo per giunta a quell’affidabile personcina di Scajola.
Grazie, gerarchi Pd, per aver detto che Di Pietro, raccogliendo le firme, faceva il gioco di B. e per aver tenuto le mani in pasta nelle municipalizzate pubbliche e miste, favoleggiato di “nucleare sicuro di quarta generazione” e teorizzato una modica quantità di immunità.
Grazie, Pompiere della Sera, per avere scritto che non bisogna demonizzare B. parlando dei suoi processi, che non interessano a nessuno perché la gente “vuole parlare di programmi”. Grazie, gerarchi Pd, per aver creduto al Pompiere della Sera.
Grazie, Piercasinando, per aver inventato il legittimo impedimento così da fare un dispetto a B. che, senza processi, non farà più la vittima.

Grazie, Belpietro e Sallusti, per quei memorabili titoli di Libero e del Giornale: “L’imbroglio referendum”, “Voto a perdere”, “La presa in giro”, “Facciamo saltare i referendum”, “Meglio non votare”, “Astenersi grazie”, “State a casa”, “Referendum no grazie”, trascinando alle urne i pochi dubbiosi di centrodestra.
Grazie, giovine Renzi, per aver fatto campagna sul No all’acqua pubblica, trascinando alle urne i pochi dubbiosi di centrosinistra. Grazie, finiani, per aver trattenuto i cacadubbi Urso e Ronchi, fiaccando ogni residua speranza in una destra antiberlusconiana. Grazie, professor Piepoli, per aver autorevolmente vaticinato che “al 50% il quorum non si raggiungerà”.
Grazie, B., per aver lasciato libertà di voto ai suoi elettori salvo poi annunciare l’astensione innescando la corsa alle urne.
Grazie, Bossi, per aver detto in un raro lampo di lucidità “i quesiti sull’acqua sono interessanti”, salvo poi ripiombare in stato confusionale e invitare all’astensione.

Grazie, Rai, per aver disinformato i cittadini sui referendum con spot di 6 minuti al giorno (anzi alla notte) in ostrogoto, spingendoli a informarsi su Internet, sul blog di Grillo e un po’ anche sul Fatto. Grazie, Mediaset, per Tg4, Tg5 e Studio Aperto.
Grazie, Santanchè, Castelli e Brunetta, per aver detto “Celentano è meglio che canti e non parli”, ché a parlare ci pensano loro. Grazie, Testa, per farti chiamare Chicco a 60 anni.
Grazie, Garimberti e Lei, per aver chiuso Annozero proprio ora.
Grazie, Minzolingua, per aver dedicato negli ultimi cinque mesi 11 sole notizie al referendum anti-nucleare, per aver sbagliato le date dei referendum, per aver oscurato le immagini di Napolitano al seggio e per aver usato financo le previsioni del tempo per invitare gli italiani “a farsi una bella gita”.

Grazie, Giuliano Ferrara, per aver riunito i “servi liberi” al teatro Capranichetta, ma soprattutto per averli fatti parlare e vedere. Grazie, B., per il triplice miracolo di far eleggere un comunista sindaco di Milano e un magistrato sindaco di Napoli, e di resuscitare l’istituto referendario che giaceva in coma da 16 anni.
Grazie, governo, per aver sabotato l’accorpamento referendum-amministrative al modico costo di 320 milioni e poi il voto sul nucleare con il decreto-truffa. Grazie, grandi partiti, per averci convinti definitivamente che dobbiamo fare da soli.

Grazie, B., per essere rimasto ostentatamente al mare mentre gli elettori (compresi i suoi) correvano ai seggi, bissando l'”andate al mare” di Craxi modello ’91, il che fa ben sperare nello stesso epilogo: la spiaggia di Hammamet nel giro di un paio d’anni o, in alternativa, la galera.

 

Eccellenza, mi permetto di chiamarla così in quanto Lei è un Capo di Stato. Non la chiamo “Santità” in quanto se penso che lo Stato che lei rappresenta è una monarchia assoluta teocratica (unico caso nel mondo civilizzato nel post-medioevo, se si escludono alcuni Stati mediorientali in cui vige la Legge Coranica) e Lei si ritiene il rappresentante di Dio in terra, ci sarebbe da chiamare la Neurodeliri.

Tralascio i commenti su tutti gli argomenti di cui Lei, sia direttamente che indirettamente tramite i suoi rappresentanti sul territorio dello Stato Italiano, si ostina a trattare come se fossero un dogma da seguire alla lettera pena la dannazione eterna. Lei è liberissimo, a casa sua, di basare il proprio stile di vita seguendo delle leggende palestinesi di 3000 anni fa, ma imporle all’intera umanità dietro la minaccia di una pena da scontare post-mortem non è solo una cosa ridicola: secondo il Codice Penale si prefigurano almeno i reati di Circonvenzione d’incapace (Art.643) e Pubblica intimidazione (Art.421).

Mi soffermerò sulla ultima delle argomentazioni di cui Lei si è occupato. La Famiglia. Mi è ignoto il motivo per cui la Chiesa si occupi in maniera assillante di argomenti di cui non sa assolutamente niente: volete insegnare come vivere la vita sessuale ma vi siete autoimposti la castità. Volete parlare della famiglia ma siete costretti al celibato.  Come dite voi quando non sapete come spiegare qualcosa che sbugiarda le vostre teorie illogiche: mistero della fede!

Secondo Lei la famiglia per essere considerata tale e per godere dei diritti previsti non solo dalla vita religiosa ma anche dalla società, deve essere formata da un uomo e una donna regolarmente sposati (ovviamente in chiesa, secondo il rituale Cattolico). La coppia che convive More Uxorio (dal latino “come tra marito e moglie“), o più semplicemente una coppia di fatto, secondo la vostra il-logica non deve godere degli stessi diritti delle coppie regolarmente sposate, e la cosa grave è che imponete ai rappresentanti politici delle varie nazioni sotto la vostra influenza, di legiferare in tale senso. Non si capisce bene su quale base si fondi la vostra assurda convinzione. Forse si basa sugli insegnamenti che si traggono dalla lettura della bibbia? Ovvero quel libro nel quale si legge ad esempio che un nipote di Abramo, Lot procreò con entrambe le proprie figlie (Genesi, XIX 30-38)? Che Giacobbe, nipote di Isacco ebbe due mogli tra di loro sorelle (Genesi, XXIX 16-30)? Che Giuda ha ben due figli dalla nuora (Genesi, XXXVIII 12-30)?

Complimenti!

Non mi dilungherò oltre. Mi limiterò a spiegarle brevemente come funziona una famiglia, sperando che la cosa non La stupisca troppo.

Una coppia decide di condurre una vita assieme perché i componenti provano dei sentimenti l’uno per l’altro. Quando decidono di legare le loro vite, sono consapevoli del fatto che da quel momento saranno una cosa sola, nel bene e nel male come anche voi descrivete nel vostro rito. Si sveglieranno la mattina consapevoli del fatto che c’è un’altra giornata da affrontare, problemi da risolvere, decisioni da prendere. C’è da andare al lavoro, perché le bollette arrivano implacabili. C’è da trovare assieme una soluzione per come arrivare a fine mese: il mutuo o l’affitto non danno tregua. C’è da organizzare la casa, decidere cosa serve e andare a fare la spesa. C’è da pensare se è il momento giusto per pensare ad avere un figlio. Perché è una responsabilità enorme, e occorre pianificare insieme anche questo evento. C’è da mettersi d’accordo con i nonni per decidere a chi affidare il piccolo quando ambedue i genitori sono al lavoro. C’è da trovare una soluzione per trovare i soldi che servono per comprare i libri di scuola. C’è da inventarsi una cena con quello che c’è in frigo, c’è da dividersi il compito di cucinare e di lavare i piatti. Ci sono i momenti di difficoltà, quando non sai come fare a uscirne e avresti voglia di scappare e lasciare tutto li. Ma poi basta guardare la persona che si ama negli occhi e assieme si trova la forza per venire fuori da qualsiasi difficoltà. Ci sono le risate e i pianti, le liti e le riappacificazioni, e ci sono quei momenti in cui basta mezzo sguardo d’intesa e si è già capito tutto.
E tutto questo, indipendentemente dall’aver messo la firma o meno su un pezzo di carta chiamato “matrimonio”.

Ma voi di queste cose non ne sapete nulla. Non avete il problema dell’affitto, la casa appartiene al vostro Stato. Lo stipendio vi arriva di sicuro, per voi non esiste licenziamento o cassa integrazione o contratto “a progetto”. Non avete (per fortuna) il compito di dover crescere un figlio, c’è chi vi lava, stira e prepara la cena e il pranzo. Non sapete cosa sia la complicità, l’essere preoccupati per la salute dell’altro, l’aspettare quel gesto di intesa. Non sapete cosa voglia dire alla sera, quando la vita ti ha spezzato la schiena, il mettersi seduti uno accanto all’altro e finalmente trovare un po di serenità.

Una sola cosa è certa: voi vivete fuori dalla realtà. Già vi prendete una montagna di soldi con l’ otto per mille. Cercate almeno, se vi è rimasto un minimo di pudore, di smetterla di massacrare il prossimo con le vostre ridicole favole.

P.S. Se ci ha fatto caso, non ho parlato di famiglia composta da uomo e donna. Ma semplicemente di due esseri intelligenti e dotati di sentimenti, appartenenti alla stessa razza. Quella umana.

“C’é qualcuno tra di Voi che, armato di santissima pazienza riesca, con parole semplici, a spiegare a questo povero Geometra di cosa si occupi esattamente il “sottosegretario alla famiglia”?  Forse che io dovrei fare riferimento a Lui per sapere come gestire la MIA, di famiglia? Ho mai IO detto LUI come dover gestire la sua, di famiglia?  Che ci fa una figura così enigmatica? Per cosa NOI lo retribuiamo esattamente? Ritengo, con tutto il rispetto, che debba cordialmente andare a farselo troncare in culo, visto che già gli brucia.
Distinti Saluti”

E’ da questa schietta considerazione dell’amico Emanuele Tonielli, pubblicata su Facebook che mi sono ricordato della esistenza di un personaggio politico che risponde al nome Carlo Giovanardi.

Cerco un po di informazioni su internet sul tipo e ne vengono fuori delle belle. Iniziamo con un po di biografia.

Carlo Giovanardi nasce nel 1950 a Modena, nella godereccia Emilia e le peculiarità di questo territorio evidentemente lo segnano fin da piccolo. Diventa un punto di riferimento per migliaia di ragazzi Modenesi: si laurea infatti in Giurisprudenza. Se ce l’ha fatta lui, dicono, c’è speranza. Svolge il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri. E qui mi fermo.

Da uomo (almeno antropologicamente parlando) politico (e qui ci sarebbe da discutere), ha inanellato una serie di provvedimenti, esternazioni, proposte di legge che avrebbero fatto inorridire chiunque in un paese civile e democratico, ma non nella Repubblica Cattolica Apostolica Romana Italiana. Vediamone alcune:

(fonte: Wikipedia)

  • 2004 – Da Ministro per i rapporti con il parlamento, propone un decreto legge per imporre la chiusura anticipata dei locali notturni.
  • 2006 – Con un astuto stratagemma, fa inserire la legge Fini-Giovanardi all’interno del pacchetto sicurezza per i Giochi Olimpici. Con questa legge, le droghe leggere (come la cannabis) vengono equiparate alle droghe pesanti (cocaina, eroina, extasy ecc.), e reintroduce la punibilità per i consumatori.
  • 2008 – Evidentemente grazie alla sua ampia e liberale visione del mondo viene nominato Sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alle politiche per la famiglia, al contrasto alle tossicodipendenze e al servizio civile. (Menomale che non è mai entrato in un teatro, altrimenti lo nominavano anche Direttore d’Orchestra)
  • 2008 – In una intervista, dichiara di voler introdurre una legge che impedisca qualsiasi tipo di propaganda antiproibizionista.
  • 2009 – Stefano Cucchi muore in carcere. Nel suo corpo evidentissimi segni di sevizie. Giovanardi dichiara: “Stefano Cucchi è morto perché anoressico, drogato e sieropositivo”. Non basta: “Era in carcere perché era uno spacciatore abituale. La verità verrà fuori, e si capirà che è morto soprattutto perché era di 42 chili”.
  • 2010 – In una intervista radiofonica dichiara che “nei paesi in cui sono state legalizzate le adozioni di bambini da parte delle coppie gay è esplosa la compravendita di bambini e bambine“.
  • 2011 – Giovanardi polemizza contro una pubblicita’ gay-friendly della svedese Ikea dichiarando “Il termine famiglia usato dalla multinazionale è lesivo della Costituzione italiana, perché per essa si deve intendere solo quella formata dal matrimonio tra uomo e donna

Non ne avete avute abbastanza? Bene, leggiamo quello che viene pubblicato sul sito dei “Popolari Liberali nel PDL” (alzi la mano chi conosceva il nome di questo partito politico!):

  • Un bacio pubblico tra due uomini a me infastidisce. Un episodio ostentato di questo genere in un luogo pubblico dà fastidio: se due vogliono darsi un lungo bacio in bocca, se lo diano a casa loro, evitino di farlo davanti a persone terze“. Lo ha dichiarato il sottosegretario Carlo Giovanardi a Radio 24. “Se io vedo un nudista o una nudista su una spiaggia deserta in Sardegna non mi fa nessun effetto – ha argomentato il sottosegretario – mentre se li vedo in spiaggia a Riccione in mezzo ai bambini e le famiglie mi provoca fastidio immenso“. (Questo bisogna ammeterlo, è un colpo di genio. Paragonare un bacio ad un nudista, il tutto visto in chiave “sporca e peccaminosa” poteva riuscire solo a Giovanardi e a Bagnasco)
  • A Milano si scaglia contro le coppie di fatto e la istituzione di un apposito registro: “se ci sono coppie che non si vogliono sposare per non assumersi una responsabilita’ davanti alla societa’, non si vede perche’ debbano essere iscritte in un registro di coppie di serie B
  • “Quoziente Familiare”. Con questo termine si indica una misura finanziaria che dovrebbe aiutare le famiglie in difficoltà. Guardacaso, Giovanardi, imbeccato da Bagnasco, ha voluto che tale misura venisse applicata solo alle coppie sposate regolarmente.
  • Dopo quella dell’Ikea, l’iniziativa Eataly di Oscar Farinetti dimostra quello che da tempo denunciamo con  forza: la vera dimenticata e discriminata in Italia e’ la famiglia  della Costituzione, quella fondata sull’unione di un uomo e di una  donna che rivendica diritti ma accetta anche doveri davanti alla  collettivita’, prima di tutto quello di educare, istruire e mantenere  i figli” (Arriva la neurodeliri e lo porta via).

Curiosando su internet si trova anche tanto altro materiale:

Non sprecherò tempo per commentare l’insigne opera di un tale genio. Ha già mirabilmente sintetizzato tutto Emanuele nel suo intervento in apertura.

Piccole riflessioni iniziali:

1) La maggior parte delle persone che invece di andare a farsi una scampagnata approfittando del bel tempo, trascorrono una giornata nel centro storico di una città, hanno qualche serio problema.

2) Ho un kalashnikov sotto al bancone pronto per quei simpaticoni che passano davanti al negozio e, vedendo le luci accese pensano:
“Ma guarda, oggi che è il primo maggio invece di essere chiusi c’è un commesso che sta li dentro dalla mattina alla sera! Quasi quasi, visto che non ho un cazzo da fare, vado a rompergli i coglioni con una serie di domande assurde che non c’entrano nulla con il suo lavoro. Così, giusto per passare un po di tempo.”

10:00 – Apertura del negozio

10:18 – Un bengalese vuol fare un contratto per prendere un telefono da 99€. Gli spiego che ci vuole la carta di credito. Mi chiede: “quèla va bene?” e tira fuori il permesso di soggiorno. Si preannuncia una bella giornata…

10:25 – Entra uno incazzato. “Ieri sera ho comprato questo telefono non funziona. Non fa le telefonate.” Provo io. Premo sulla scritta “TELEFONO”, con sopra l’icona del TELEFONO, mi compare la tastiera, compongo il numero del negozio: squilla. Funziona. Il cliente stupito: “Noooooo… Come ha fatto? E per i messaggi? Come faccio per i messaggi?” Si legga il manuale! MA FIGURATI, SONO 180 PAGINE, ME LO SPIEGA LEI!  (chiamo la neurodeliri e lo portano via prima che lo accoltelli)

10:48 – Entra uno, accento lombardo: “questa macchina fotografica, quando scatto, mi rimane bloccata. Da cosa può dipendere?”. Guardi, non ho idea, io vendo servizi telefonici!!!! E lui insiste: “No, non mi ha capito, vede, quando premo qui, non scatta. Sembra di si ma la foto non la salva!”. Io conto fino a 3 e gli consiglio di sentire nella farmacia di fronte, o al limite dal tabacchino. Mi risponde: “Ma mi prende in giro?” “Si, ma ha cominciato lei!”

(p.s. Non siamo neanche a 1 ora di apertura: zero scontrini, 3 psicoclienti….)

11:03 – Entra uno, con accento di Bolzano Nord: “Aggio cumbrat l’Aifonnoguattre (traduzione: Iphone 4). Comme fa ca ma ghieta la Garta e Crettete (traduzione: come mai mi chiede la Carta di Credito?)”. Gli spiego che per registrarsi al servizio di aggiornamento e acquisto programmi deve indicare il numero della Carta di Credito. “Ah e lo poteda fara voi?” In che senso? “Non tengo la Carta, lo fate voi con la vostra!”. Gli chiedo se sta scherzando. “MA GOME? AH IO LO VENDA GUESTA TELEFONINE, CHE SGHIFO LA TIMME” (la traduzione la lascio a voi)

11:42 – Un tipo vuole attivare una nuova SIM. Quando gli chiedo il documento mi guarda malissimo: “Da quando in qua per attivare un numero ci vuole un documento?” DA SEMPRE, esimia testa di cazzo!

15:35 – Uno mi chiede: posso usare la mia chiavetta internet della Wind con una scheda TIM? Gli dico: “In teoria si ma non le merita. Se usa la sua chiavetta, in un anno spende 303 euro. Se compra la nostra, lo stesso servizio ce l’ha per soli 189 euro”. Risposta: “PAZIENZA, LA MIA CHIAVETTA MICA LA POSSO BUTTARE VIA”… Uno così potrebbe fare il ministro delle Finanze!

15:49 – “Mi fa una ricarica da 5€”  “Certo, signora mi dice il suo numero?” Ah io non lo so, NON MI CHIAMO MAI”. “Allora non dovrebbe sapere neanche il suo nome e cognome. Comunque senza il numero non posso fare nulla” Allora chiamo la mi figliola, mi faccio dare il mio numero” ed esce. Dopo 30 secondi ritorna, mi porge il telefono e mi dice “parli lei con la mi figliola, senta un po cosa gli serve. guardate che casino se deve fare per ricaricare un telefono”. P.S. La Signora in questione aveva ancora 48€ nel telefono!!!!

16:31 – Entra una donna sulla trentina: “Mi hanno regalato questo telefono: ogni tanto mi fa PIRIPIIIIIIIII! PIRIPIIIIIII! PIRIPIIIIIIIII! Da cosa dipende?”

16:45 – Cercavo il SANSUNGHE CO LO SPORTELLINO,MA QUELLO DELLA NOKIA!

19:35 – Negozio chiuso da 5 minuti. Luci spente, cancelletto di ferro davanti alla porta chiuso. Vedo uno che traccheggia col cancello, lo apre, si presenta davanti alla porta automatica ovviamente chiusa e si sbraccia per far azionare il sensore. Io lo guardo malissimo, quello mi fissa e fa: “Ma… è aperto?” Io mi metto le mani sulla faccia disperato, mi riprendo e gli dico: “Se c’è un cancello chiuso, le luci spente e la porta chiusa, secondo lei?” “Ma volevo fare solo una domanda”…

Adesso vado a casa… Mezzo litro di Valium penso che possa bastare….

Prendo a prestito il titolo della canzone di Frankie HI NRG per buttare l’ennesimo sasso incazzato nello stagno. Un po’ per vedere che effetto che fa, ma soprattutto per vedere di acciaccare qualche rospo.

Tutto mi sarei aspettato nella vita meno che gli stravolgimento che si sono verificati nella vita sociale e politica degli ultimi quindici anni. Addirittura ho visto il mio babbo (sindacalista, iscritto al PCI da sempre, quello che mi ha portato alle manifestazioni per la pace degli anni ’80 contro i missili a Comiso, ai funerali di Berlinguer e a distribuire l’Unità il 1 Maggio) diventare democristiano, aderendo a quell’ammasso informe chiamato PD. Ho visto l’uomo più ricco d’Italia comprarsi un intero paese senza che nessuno abbia voluto (non “potuto”) alzare un dito. Ho visto pregiudicati e delinquenti prendere il controllo della vita politica e pubblica del mio paese.

Ma la cosa che mi manda in bestia è che quegli anticorpi naturali che l’Italia aveva nel proprio DNA sono rimasti li a guardare. Chiusi nel loro bozzolo, agitando bandierine tra di loro per farsi vedere che sono vivi. Tra di loro. Sto parlando di quelli che una volta si chiamavano “Compagni“. Quelli che una volta non stavano li a farsi belli o a combattere contro i mulini a vento. Si battevano per delle idee: uguaglianza (e non sopruso da parte dei furbi), libertà (ma non di fare quel che cazzo ti pare), rispetto (ma non coglionaggine), lavoro (e non vivere di sotterfugi).

Oggi invece “quelli” sono passati dalla parte dei benpensanti…

Quelli che “guai a chiamare LADRO un ladro“. E’ un figlio disadattato e reietto della società che lo ha emarginato, quindi non si deve denunciare ma lasciargli la refurtiva, chiedergli se ha bisogno di altro e accompagnarlo a casa perché poverino non si stanchi troppo. E chi non lo fa non ha il senso civico.
Quelli che “guai a chiamare ASSASSINO un assassino“. E’ una persona che ha bisogno di tenerezza ed ha agito in un momento di estrema solitudine. Chi non lo fa è un cuore di pietra.
Quelli che “Siamo tutti fratelli“, anche quelli che ti violentano la sorella e che ti accoltellano per il telefonino. Non lo fanno perché sono cattivi, è che sono in difficoltà e vanno capiti. Il diritto alla sessualità e al comunicare col prossimo sono diritti inalienabili per l’essere umano.
Quelli che “Pace e Amore“, perché i dittatori si mandano via mettendo i fiori nei loro cannoni (magari prima che li facciano sparare sulla folla), facendogli le occhiatacce e mandandogli delle lettere in cui gli si fa notare che “così non si fa” (ma con garbo).
Quelli che “Non demonizziamo l’avversario politico“: perché mai far sapere alla gente che il parlamento è pieno di pregiudicati per mafia, di corruttori e corrotti, di ladri e papponi? Non sta bene! Questi personaggi vanno combattuti aspramente in parlamento borbottando “mi spiace ma non siamo d’accordo”. Però sottovoce, per non mancare di rispetto.
Quelli che “Ma allora sei un razzista!” quando fai notare che per qualcuno è normale andare in giro col Cayenne comprato con le truffe. Mandare la propria sorella a lavorare al night e la propria cugina per i viali. Farsi assegnare le case popolari perché non hanno reddito e nel garage hanno 3 Mercedes e la impresa edile abusiva. Prendere il sussidio di disoccupazione, la pensione di invalidità e farsi fare la spesa dalla Caritas. Truccare le macchinette del videopoker e farne un business. Andare nei negozi e fare finanziamenti con i documenti rubati e le carte di credito clonate.
Quelli che “Anche i nostri nonni andavano in America“. Si, e si facevano un culo così per campare. Ma se uno di loro sgarrava, finiva dritto in galera, non gli dicevano “poverino è da capire, è lontano da casa” tollerando qualsiasi malefatta egli facesse.

Figlioli, svegliatevi! L’epoca dei dogmi, della verità incarnata nei libretti polverosi è terminata. Il mondo intero si sta evolvendo, e non è rimanendo dentro alla propria cuccia a guardarsi allo specchio per convincersi che siamo dalla parte giusta, che si fa del bene alla società. E’ grazie alla vostra cecità che la gente si è disaffezionata ai valori di sinistra (quelli di cui sopra) e sale sul carro del primo coglione che urla più forte. Uscite qualche volta di casa, e guardate cosa sta succedendo in questo mondo. Parafrasando Nanni Moretti: dite qualcosa di Sinistra! Non di melenso e becero buonismo, ma di Sinistra!

Se volete rimanere arroccati sulle vostre posizioni, almeno abbiate la buona creanza di staccare dalle pareti le foto del Che Guevara e dei Partigiani: Loro non dicevano “ma si, in fondo che vuoi che sia, sono dei buontemponi ed è solo Olio di Ricino”…

LORO LIBERAVANO I POPOLI COL FUCILE IN MANO!

In memoria di LICIO NENCETTI, (31/03/1926 – 26/05/1944)

Licio Nencetti aveva 18 anni quando il 26 maggio del 1944 si trovò davanti i fucili del plotone fascista di esecuzione. Si reggeva a malapena in piedi, piagato in ogni parte del corpo, il viso sfigurato. La cattura e il carcere non avevano piegato la sua determinazione di non parlare, di non dire una parola sui compagni in cambio della libertà promessa. Glielo chiedono tante volte: se dici qualche nome, e dei comandanti partigiani dove si trovano, sei salvo. Ma Licio non cede. Qualche mese prima aveva scritto alla madre che era necessario il suo impegno tra i partigiani “per difendere l’idea di mio padre, che è sempre viva in me e per ridare ancora una volta l’onore alla mia bella Patria“.
Di fronte ai fucili puntati Licio trova la forza, l’ultima, di ergersi dritto, guardare le colline della Valdichiana che lo avevano visto combattere a fondo e gridare “Bella è la morte per l’onore della patria“. Di fronte a tanta fierezza – testimonia la motivazione per la concessione della ricompensa al valore – i fascisti del plotone esitano. Licio è una maschera di sangue, molte ossa rotte, gli occhi pesti, ma si sforza di guardare fisso in avanti. Preso da furia isterica, il comandante del plotone corre davanti a Licio e scarica la rivoltella alla testa, fino all’ultimo colpo. Ma nessun uomo del plotone fascista si affiancò a lui.
Chissà cosa passava, in quei momenti così unici, per la testa di quei fascisti, soldati di Mussolini, chiamati a sparare ad un altro italiano, così fiero delle sue idee, così impavido, così sicuro di morire per un ideale patriottico che quello stesso ufficiale aveva loro detto che i “banditi“, i “ribelli“, i partigiani assolutamente non potevano avere. Licio voleva “muoversi”. Non tollerava la inerzia, l’attesa; voleva, come scrisse alla madre, “combattere per un’idea leale e giusta“. Si arruolò nella 23ª brigata Pio Borri, diventandone in poco tempo uno dei componenti più decisi e capaci
(Fonte: Museo virtuale dell’antifascismo e della Resistenza della Provincia di Arezzo)

Nella motivazione per l’assegnazione della Medaglia d’argento al Valor Militare si legge:
«Giovane diciottenne animato dai più elevati sentimenti patriottici, fin dall’inizio partecipava attivamente al movimento di liberazione, organizzando una agguerrita formazione armata, alla testa della quale, con indomito coraggio e notevole perizia, svolgeva numerose e difficili operazioni di guerra contro il nemico, nel corso delle quali viene anche ferito. Catturato in una imboscata e sottoposto a snervante interrogatorio e ad atroci torture, nulla di utile rivela ai suoi aguzzini che lo condannano a morte. Il suo contegno davanti al plotone di esecuzione è talmente fiero e sublime che i componenti di questo, all’ordine di “fuoco!” non hanno il coraggio di sparare contro di lui. Soltanto il comandante, sparandogli in bocca con la pistola, riuscirà a far tacere la sua voce fino all’ultimo inneggiante alla libertà della Patria.»

 

Il 1 Maggio 2011 verrà beatificato Karol Wojtyla, papa Giovanni Paolo II. Già da mesi le televisioni ed i media in generale parlano dell’avvenimento mostrando folle di persone in delirio mistico al solo nominare il papa polacco. Chi è distante dalla dottrina (anzi, dall’indottrinamento) della chiesa cattolica, può guardare alla figura di Wojtyla col distacco della ragione. E analizzando la vita e l’operato del suddetto, non si nota l’aurea di santità, anzi! In breve, è stato uno dei pontificati più integralisti della storia, con l’appoggio incondizionato ai potenti (sanguinari o illuminati, che importa?), e la scure sui deboli.

Al di la della tristezza e ridicolaggine di un essere umano che va in giro a dire di essere il “rappresentante di dio in terra” , vediamo le azioni terrene che più di tutte hanno lasciato un segno tangibile.

BEATIFICAZIONE DEL CRIMINALE NAZIFASCISTA ALOYSIUS STEPINAC:

Papa Woityla ha beatificato – durante la sua visita in Croazia nell’ottobre 1998 – il dr. Aloysius Stepinac, vescovo cattolico, complice dei più atroci misfatti nazi-fascisti in Croazia durante il regime di Ante Pavelic dal 1941 al 1945. Stepinac, arcivescovo di Zagabria, fu al fianco dei fascisti Ustascia fin dal primo momento (come ha dimostrato senz’ombra di dubbio V. Novak, Principium et Finis veritas), da quando, cioè, il 10 Aprile 1941 ebbe luogo l’occupazione tedesca di Zagabria insieme alla proclamazione dell’indipendenza della Croazia dal regno di Jugoslavia, con a capo Ante Pavelic.

COPERTURA E NOMINA A CARDINALE DI PIO LAGHI:

Monsignor Pio Laghi, fu nunzio apostolico del Vaticano a Buenos Aires durante la dittatura dal 1974 e secondo numerose testimonianze, non solo giustificò pubblicamente la dittatura per motivi politici, ma coprì i delitti dei militari, aiutò e sostenne i vertici della Giunta di cui era intimo amico (giocava a tennis con Massera) , e contribuì allo “smistamento” dei figli dei desaparecidos, dati in adozione a generali e militari. Nel 1997 le Madri de Plaza de Mayo lo denunciarono ufficialmente per complicità e allegarono una serie di testimonianze sull’operato del nunzio, con queste parole:

«collaborò attivamente con i membri sanguinari della dittatura militare e portò avanti personalmente una campagna volta ad occultare tanto verso l’interno quanto verso l’esterno del Paese l’orrore, la morte e la distruzione. Monsignor Pio Laghi lavorò attivamente smentendo le innumerevoli denunce dei familiari delle vittime del terrorismo di Stato e i rapporti di organizzazioni nazionali e internazionali per i diritti umani».

Ma non basta: lo si accusò anche

«di aver messo a tacere le denunce internazionali sulla sparizione di più di trenta sacerdoti e sulla morte di vescovi cattolici. Pio Laghi provvide, con i membri dell’episcopato argentino, alla nomina di cappellani militari, della polizia e delle carceri che garantissero il silenzio sulle esecuzioni, le torture e gli stupri cui assistevano. Questi cappellani avevano l’obbligo non solo di confortare spiritualmente gli autori dei genocidi e i torturatori, ma anche, tramite la confessione, di collaborare con l’esercito estorcendo informazioni ai detenuti».

Ovviamente grazie all’immunità vaticana non fu mai processato.

BEATIFICAZIONE DI PIO IX, MANDANTE DELLA STRAGE DI PERUGIA, PER AVER CHIESTO L’INDIPENDENZA DALLO STATO PONTIFICIO:

Numerosi contemporanei descrissero l’accaduto. Così è raccontato nelle parole del Sottointendente militare Pontificio Monari:

« I soldati passarono sopra queste barricate, presero d’assalto tutte le case ed il convento ove uccisero e ferirono quanti poterono, non eccettuate alcune donne, e procedendo innanzi fecero lo stesso nella Locanda a S. Ercolano, uccisero il proprietario e due addetti, ed erano per fare altrettanto ad una famiglia americana, se un volteggiatore non vi si fosse opposto, ma vi diedero il sacco, lasciando nel lutto e nella miseria la moglie del proprietario e arrecando un danno di circa 2.000 dollari alla famiglia americana. Fatti simili sono accaduti in tre case, dappoiché il saccheggio ha durato qualche tempo durante il quale tre case sono stale incendiate. I soldati vincitori hanno fatto man bassa su tutto quanto loro capitava innanzi. »

(da Le stragi di Perugia – L’insulto a Dio, in «La Propaganda» n.461 del 2 luglio 1903)

Anche lo storico Pasquale Villari descrisse l’accaduto nella sua opera Storia generale d’Italia:

« Furono saccheggiate trenta case, nelle quali — per confessione dello stesso Schmidt — fu fatto massacro delle stesse donne; furono invasi un monastero, due chiese, un ospedale e un conservatorio di orfane, nel quale sotto gli occhi delle maestre e delle compagne due giovanette furono contaminate. Alle immanità dei saccheggiatori seguirono, come legittimo corollario, il Governo statario bandito a Perugia dallo Schmidt, le onorificenze largite a lui ed ai suoi satelliti dal pontefice e i solenni e pomposi funerali indetti, dal card. vescovo Pecci (oggi Papa Leone XIII) con la iscrizione satanicamente provocatrice messa sul catafalco: Beati mortui qui in Domino moriuntur … »

(Il risorgimento, in «Storia generale d’Italia», diretta da Pasquale Villari. F. Vallardi editore. Milano, 1881, pag. 376)

L’ambasciatore degli Stati Uniti a Roma, Stockton, scrisse al suo governo:

« Una soldatesca brutale e mercenaria fu sguinzagliata contro gli abitanti che non facevano resistenza; quando fu finito quel poco di resistenza che era stata fatta, persone inermi e indifese, senza riguardo a età o sesso, furono, violando l’uso delle nazioni civili, fucilate a sangue freddo »

(H. Nelson Gay, op. cit., p. 149)

Il New York Times, in riferimento alla vicenda della famiglia statunitense dei Perkins, testimone e vittima delle violenze, scrisse:

« Le truppe infuriate parevano aver ripudiato ogni legge e irrompevano a volontà in tutte le case, commettendo omicidi scioccanti e altre barbarità sugli ospiti indifesi, uomini donne e bambini. »

(The Massacre at Perugia – The outrage to Mr. Perkins and his Party, «New York Times», 25 giugno 1859)

SANTIFICAZIONE DEI PRETI SPAGNOLI FRANCHISTI:

Wojtyla ha santificato numerosi sacerdoti Spagnoli che durante la dittatura fascista di Francisco Franco, si schierarono in armi dalla parte del regime, desiderando espressamente che la chiesa tornasse ai tempi di Torquemada.

QUELLA USCITA SUL BALCONE COL DITTATORE SANGUINARIO PINOCHET…

Basterebbe leggere l’augurio che Wojtyla fece ad Augusto Pinochet per le nozze d’oro, per far capire in quanta considerazione tenesse questo sanguinario dittatore:

“Al generale Augusto Pinochet Ugarte e alla sua distinta sposa signora Lucia Hiriarde Pinochet, in occasione delle loro nozze d’oro matrimoniali e come pegno di abbondanti grazie divine, con grande piacere impartisco, così come ai loro figli e nipoti, una benedizione apostolica speciale”. Giovanni Paolo II

Chi era Augusto Pinochet? L’11 settembre 1973, tradendo la fiducia del Presidente Allende, lo destituì con un cruento colpo di stato militare. I leader del golpe usarono aerei da combattimento per bombardare il Palazzo Presidenziale che ospitava Allende, che rifiutò di arrendersi e morì (si sarebbe suicidato). Pinochet fu nominato a capo del concilio di governo della giunta vittoriosa, e si mosse per frantumare l’opposizione liberale del Cile, arrestando approssimativamente 130.000 individui in un periodo di tre anni.  La violenza e il bagno di sangue del colpo di stato continuarono durante l’amministrazione di Pinochet. Una volta al potere, Pinochet governò con il pugno di ferro. I dissidenti che erano stati assassinati per aver pubblicamente parlato contro la politica di Pinochet venivano definiti “desaparecidos”, scomparsi. Non si sa esattamente quanta gente sia stata uccisa dalle forze del governo e dei militari durante i 17 anni che rimase al potere, ma la Commissione Rettig elencò 2.095 morti e 1.102 “scomparsi”. I dissidenti invece diedero stime molto più alte, fino a 80.000 morti. Tra le vittime, ucciso nello stadio di Santiago insieme a molti altri, anche il regista e cantante Victor Jara. Anche la tortura era usata comunemente contro i dissidenti. Migliaia di cileni lasciarono il Paese per sfuggire al regime.

IL PROFILATTICO? E’ PECCATO!

Uno dei cavalli di battaglia di Wojtyla è stata la condanna dell’uso del profilattico, per ribadire il solito ottuso e criminale dogma di “castità”

Secondo le Nazioni Unite, nell’Africa sub-sahariana le persone infettate dal virus dell’HIV sarebbero circa 22 milioni, cifra pari ai due terzi del totale mondiale. Ogni giorno l’HIV uccide oltre cinquemila persone. 14 milioni di bambini sono orfani a causa dell’Aids e 700 mila bambini nascono infetti ogni anno.

E non solo in Africa. Il profilattico salva la vita a milioni di persone in tutto il mondo in quanto impedisce la diffusione di tutte le malattie sessualmente trasmissibili.

 

COMPLETA CHIUSURA ALLE ALTRE CONFESSIONI:

Con la propria enciclica “Veritatis Splendor” ha specificato che “fuori dalla Chiesa di Roma non esiste salvezza né verità”: non c’è da meravigliarsi che il patriarca cristiano russo-ortodosso non abbia mai voluto Wojtyla sul suolo russo.

PAROLA D’ORDINE: MARKETING!

Nella storia della chiesa, i 33 papi precedenti avevano nominato 296 santi e 1319 beati. Wojtyla da solo ha totalizzato 500 santi e 1350 beati. Potete immaginare quanto è cresciuto il mercato di medagliette, santini, immagini sacre, statuette?

AMEN!

Potrei commentare con tutta l’incazzatura del caso le parole di uno psicotico pedofilo pluriindagato che sta massacrando uno Stato pur di scampare alla legge, con le quali definisce “brigatisti” ed “eversivi” i magistrati che indagano sulle sue innumerevoli malefatte. Ma mi asterrò. Gli ho dedicato anche troppo tempo a quel’essere maledetto.

Copio e incollo senza aggiungere niente, l’intervento di “Pierino” sul forum di www.ammazzatecitutti.org , che si può leggere all’indirizzo http://www.ammazzatecitutti.org/forum/lofiversion/index.php/t1204.html

Francesco FERLAINO , il giorno 3 luglio 1975 verso le ore 13,30 stava rientrando nella propria abitazione a Lamezia Terme provenendo da Catanzaro dove aveva svolto la consueta attività lavorativa quale Avvocato Generale presso la Corte di Appello di Catanzaro. Egli, mentre stava scendendo dall’autovettura in prossimità dell’abitazione, veniva attinto alla schiena da due colpi di fucile esplosi da due sconosciuti che si trovavano a bordo di un’autovettura Alfa-Romeo; al fatto erano presenti altre persone di passaggio.

Francesco COCO, il giorno 8 luglio 1976, mentre stava rincasando in Genova facendo ritorno dall’ufficio, veniva colpito a morte da alcuni colpi di rivoltella, esplosi alle spalle a bruciapelo, e nello stesso modo perdevano la vita gli agenti di scorta il brigadiere Giovanni Saponara e l’appuntato Antioco Deiana. Dalle indagini svolte nelle immediatezze, risultava che l’agguato era stato compiuto da cinque persone. Due ore dopo il fatto criminoso, nell’aula della Corte di Assise di Torino, dove si stava celebrando il processo a carico di noti appartenenti all’organizzazione terroristica denominata «Brigate Rosse» (tra cui, Curcio, Franceschini, Ferrari), uno degli imputati leggeva un messaggio nel quale la detta organizzazione rivendicava la paternità del triplice omicidio. L’efferato episodio trovava indubbia causa nell’intendimento dei terroristi di volere punire il comportamento tenuto dal Procuratore Generale nel 1974 in occasione della liberazione del sostituto procuratore della Repubblica Mario Sossi, sequestrato per vario tempo dalle «Brigate Rosse». In particolare, onde ottenere la liberazione del Sossi, la Corte di Assise di Appello di Genova aveva concesso la libertà ad alcuni detenuti, subordinando l’effettiva scarcerazione alla condizione che fosse assicurata l’integrità fisica del dr. Sossi; peraltro, quest’ultimo, una volta liberato, presentava la frattura di una costola e segni di pregresse lesioni, per cui Coco, Procuratore Generale, non eseguiva l’ordinanza di scarcerazione dei detenuti, la impugnava per cassazione ottenendone l’annullamento dalla Suprema Corte.

Vittorio OCCORSIO, il 10 luglio 1976 verso le ore 8,15, lasciava la sua abitazione sita in Roma Via Mogadiscio, per recarsi in ufficio presso la Procura della Repubblica, da solo a bordo della propria autovettura; a poca distanza, all’altezza di Via Giuba, veniva attinto da raffiche di mitra esplose da una o più persone a bordo di una motocicletta; il magistrato, colpito in diverse parti del corpo, decedeva immediatamente. All’interno della autovettura, venivano rinvenuti alcuni stampati con i quali il «Movimento Politico Ordine Nuovo» rivendicava l’esecuzione del magistrato, ritenuto colpevole «di avere, per opportunismo carrieristico, servito la dittatura democratica perseguitando i militanti di Ordine Nuovo e le idee di cui essi sono portatori».In realtà, Occorsio aveva proceduto all’istruzione di due distinti procedimenti a carico di numerosi esponenti e militanti del movimento suindicato, imputati di ricostituzione del partito fascista. Il primo processo era stato definito in primo grado con sentenza del 21 novembre 1973 della 1ª Sezione Penale del tribunale di Roma, a seguito della quale il Ministro dell’interno aveva ordinato lo scioglimento del movimento; il secondo processo, mentre era in corso di trattazione avanti la 3ª sezione penale pure del tribunale di Roma, era stato sospeso con ordinanza del Collegio in data 27 gennaio 1975, avverso la quale Occorsio aveva proposto ricorso per cassazione, accolto dalla Suprema Corte. Il magistrato, negli anni ’70, aveva, altresì, istruito il processo per la strage avvenuta il 12 dicembre 1969 a Milano – Piazza Fontana – presso la Banca Nazionale della Agricoltura, collegata agli attentati avvenuti in pari data nella Capitale; detto procedimento, in sede dibattimentale era stato rimesso all’autorità giudiziaria di Milano per motivi di competenza.

Riccardo PALMA era direttore dell’ufficio VIII della Direzione Generale per gli Istituti di prevenzione e pena, che si occupa di edilizia penitenziaria. Il 14 febbraio 1978, il predetto lasciava la sua abitazione sita in Roma Piazza Lecce 11 verso le ore 9,30 per raggiungere l’ufficio presso il Ministero di Grazia e Giustizia; giunto in Via Forlì, mentre stava per salire sulla propria autovettura ivi parcheggiata, veniva colpito da raffiche di mitra Il magistrato, attinto al torace ed al viso decedeva immediatamente.

Girolamo TARTAGLIONE percorreva una brillante carriera in magistratura, ricoprendo posti di merito quale sostituto procuratore della Repubblica a S. Maria Capua Vetere ed a Napoli, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di S. Angelo dei Lombardi, consigliere della Corte di Appello di Bari; nonché successivamente svolgeva la sua attività prima come applicato al Massimario della Corte di Cassazione e poi come Consigliere della Corte, addetto alle sezioni penali, con assegnazione anche alle Sezioni Unite Penali. Espletava le ulteriori funzioni quale Avvocato Generale presso la Corte di Appello di Napoli, e, quindi, nel 1976 veniva collocato fuori ruolo per esercitare le funzioni di direttore generale degli Affari Penali, presso il ministero di Grazia e Giustizia. La sua competenza ed attività nel settore penale, penitenziario, della criminologia erano conosciute ed apprezzate anche all’estero. Il giorno 10 ottobre 1978, il magistrato subiva un’azione terroristica che lo conduceva a morte; l’attentato era rivendicato da organizzazioni sovversive.

Fedele CALVOSA, il giorno 8.11.1978, subiva un gravissimo attentato in Patrica riportando ripetute ferite da arma da fuoco che ne provocavano il decesso per “shock traumatico ed emorragia consecutiva”. Il delitto veniva rivendicato da formazioni politiche eversive.

Emilio ALESSANDRINI profondeva notevolissimo impegno nell’istruzione del processo per la strage di Piazza Fontana, dopo che il procedimento era stato trasmesso all’autorità giudiziaria di Milano per incompetenza di quella di Roma. Il 29.1.1979, verso le ore 8,30 il magistrato accompagnava con la propria autovettura il figlio Marco alle vicine scuole elementari; quindi, si dirigeva verso la propria abitazione per ivi parcheggiare il mezzo e poi recarsi a piedi in ufficio, presso la Procura della Repubblica. Fermatosi all’incrocio tra Viale Umbria e Via Muratori in Milano, ove era collocato un semaforo, veniva aggredito da due persone, facenti parte di un gruppo più ampio di cinque, che gli si avvicinavano esplodendogli contro numerosi colpi di pistola, che provocavano la subitanea morte di Alessandrini. Poco più tardi nella stessa mattinata, l’omicidio veniva rivendicato, tramite una telefonata alla redazione di un giornale, dall’ “Organizzazione Comunista Combattente Prima Linea”; di eguale tenore era un volantino diffuso poco dopo.

Cesare TERRANOVA dal 1958 al 1971 prestava servizio al Tribunale di Palermo quale giudice istruttore penale; nel 1971 veniva nominato Procuratore della Repubblica presso il tribunale di Marsala (dove prendeva servizio nel giugno dello stesso anno). Collocato in aspettativa per motivi elettorali il 20 maggio 1972 veniva eletto alla Camera dei Deputati per il collegio XXVIII/Catania, ed in tale legislatura faceva parte della IV Commissione Giustizia, nonché partecipava in qualità di segretario alla Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della «mafia» in Sicilia. In data 2 luglio 1976, veniva rieletto deputato per la VII legislatura. Al termine della legislatura, Terranova, con istanza in data 14 giugno 1979, chiedeva di essere richiamato in ruolo dall’aspettativa per mandato parlamentare e destinato al tribunale di Palermo con funzioni di Consigliere istruttore. Il Consiglio Superiore, con deliberazione del 10 luglio 1979, lo richiamava in servizio assegnandolo alla Corte di Appello di Palermo in qualità di consigliere, e di tale ufficio il magistrato prendeva possesso il 31 agosto 1979. Il 25 settembre dello stesso anno, verso le ore 8,30, Terranova, a bordo della sua vettura, si apprestava a lasciare l’abitazione per recarsi in ufficio, allorché veniva fatto segno di colpi d’arma da fuoco, che ne determinavano il decesso. Insieme a lui veniva colpito il maresciallo dr P.S. Lenin Mancuso, che pure decedeva poco dopo.

Nicola GIACUMBI La sera del 16 marzo 1980 stava per rientrare a casa in Salerno assieme alla moglie, allorché due individui scendevano da una macchina parcheggiata in prossimità dell’abitazione e, avvicinatisi al magistrato, esplodevano contro di lui numerosi colpi d’arma da fuoco che ne provocavano la morte. L’esecuzione veniva rivendicata dall’organizzazione terroristica denominata «Brigate rosse – colonna Fabrizio Pelli».

Girolamo MINERVINI ha svolto una intensissima attività in magistratura, profondendo il suo impegno in settori vari e distinguendosi in tutti per l’apporto professionale, culturale ed organizzativo fornito. Già in giovane età, negli anni dal 1947 al 1956, veniva assegnato al Ministero di Grazia e Giustizia – Direzione Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena -, dove dirigeva nell’ultimo periodo l’Ufficio II (personale di custodia). Trascorreva, quindi, un lungo periodo presso la Procura generale della Cassazione in qualità di applicato prima di tribunale e poi di appello; nel 1968 veniva nominato segretario presso il Consiglio Superiore della Magistratura. Dopo un breve periodo, durante l’anno 1973, nel quale prestava servizio presso la Corte di Appello di Roma in qualità di consigliere, faceva ritorno al Ministero di Grazia e Giustizia con funzioni di capo della segreteria della Direzione Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena.Quindi, nel novembre 1979 era ricollocato in ruolo e destinato alla Procura Generale della Cassazione con funzioni di sostituto. Il 18 marzo 1980 a Roma, a seguito di un’azione terroristica, Minervini veniva ucciso. Il delitto era rivendicato da formazioni politiche eversive.

Guido GALLI svolgeva le funzioni di giudice istruttore penale presso il tribunale di Milano. Il suo impegno culturale e professionale nel campo del diritto veniva esercitato anche in sede universitaria, nel cui ambito Galli teneva corsi di criminologia prima presso l’Università di Modena e successivamente presso quella di Milano.Il 18 marzo 1980 era vittima di un’azione terroristica che ne causava la morte. Il delitto era rivendicato dalla formazione politica eversiva denominata «Prima linea – sezione Romano Tognini».

Mario AMATO svolgeva funzioni di sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica di Rovereto dal settembre 1971 a metà anno 1977. Il 30 giugno di detto anno prendeva servizio presso la Procura della Repubblica di Roma sempre in qualità di sostituto. Nell’esercizio delle funzioni in Roma, istruiva delicatissimi processi concernenti il c.d. «terrorismo nero», ricevendo minacce ed «avvertimenti» di vario genere. Il 23 giugno 1980, mentre si trovava presso la fermata dell’autobus che doveva portarlo presso gli uffici della Procura in Piazzale Clodio, il magistrato veniva colpito con un colpo di arma da fuoco alla testa e decedeva nelle immediatezze. L’uccisione veniva rivendicata da formazioni politiche eversive.

Gaetano COSTA, il giorno 6 agosto 1980 verso le ore 19,15, usciva dalla sua abitazione in Palermo per effettuare una passeggiata a piedi. Egli si trovava nella centrale Via Cavour sul marciapiede di fronte a quello ove era posta una sala cinematografica; improvvisamente, veniva colpito alle spalle da uno sconosciuto con tre colpi di pistola. Ne conseguiva il decesso del magistrato. Il dott. Costa, dal 1966 al 1978, esercitava le funzioni di Procuratore della Repubblica a Caltanissetta e nel luglio 1978 prendeva possesso del nuovo ufficio di Procuratore della Repubblica di Palermo.

Gian Giacomo CIACCIO-MONTALTO, entrato in magistratura nel 1970, veniva assegnato nel settembre 1971, con il conferimento delle funzioni giurisdizionali, alla Procura della Repubblica di Trapani in qualità di sostituto. In detta sede, il giovane magistrato mostrava un impegno elevatissimo affrontando nel modo più adeguato indagini e problematiche processuali delicatissime in campo mafioso. Il 25 gennaio 1993, a seguito di un grave attentato, il magistrato veniva ucciso con colpi di arma da fuoco.

Bruno CACCIA svolgeva tutta la sua attività in magistratura espletando funzioni requirenti, prima come sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica di Torino, poi come Procuratore della Repubblica di Aosta e successivamente come sostituto procuratore generale presso la Procura Generale di Torino; nel 1980 veniva nominato Procuratore della Repubblica di Torino. Caccia si segnalava per avere partecipato negli anni 74-75 con il massimo impegno e diligenza all’istruzione (prima da solo e poi con il Giudice Istruttore) del gravoso ed imponente processo contro gli appartenenti alle «Brigate rosse» che si erano resi colpevoli del sequestro del Sostituto Procuratore di Genova Mario Sossi e di altri efferati delitti (il processo era stato spostato per competenza a Torino ai sensi dell’art. 60 C.P.P. previgente). Il 26 giugno 1983 in Torino, il magistrato subiva un gravissimo attentato terroristico che, a causa delle numerose ferite da arma da fuoco riportate al capo ed al corpo, ne provocava la morte.

Il 29 luglio 1983 verso le ore 8,10 del mattino, in Via Giuseppe Pipitone Federico in Palermo, all’altezza del civico 59 ove abitava Rocco CHINNICI, Consigliere istruttore del Tribunale di Palermo, esplodeva violentemente una Fiat 126 pieno di carica di esplosivo. Nell’occorso decedevano il dr. Chinnici, (il quale si apprestava a salire in macchina per recarsi in Tribunale), il Maresciallo dei Carabinieri Mario Trapassi e l’Appuntato Salvatore Bartolotta, addetti al servizio di scorta del magistrato, nonché il portiere dello stabile Stefano Li Sacchi; venivano ferite anche 19 persone, fra le quali quattro Carabinieri addetti pure alla tutela di Chinnici. Il magistrato, nominato Consigliere istruttore aggiunto presso il Tribunale di Palermo nel gennaio 1975 e Consigliere istruttore del medesimo ufficio nel gennaio 1980, dava un apporto decisivo nell’organizzare in modo adeguato e razionale l’ufficio istruzione del Tribunale di Palermo, nell’intento di intervenire ed incidere in modo efficace e duraturo sul gravissimo fenomeno mafioso; all’uopo, conduceva e concludeva indagini di assoluta rilevanza e delicatezza, avvalendosi di un pool di colleghi di alto valore, tra cui Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

I Carabinieri di Trapani rinvenivano, il giorno 14 settembre 1988 alle ore 8,35 sulla Via Falconara di Locogrande (centro nelle vicinanze di Trapani) il cadavere di Alberto GIACOMELLI, già presidente della Sezione penale del Tribunale di Trapani, collocato in pensione il 1 maggio 1987. Il cadavere, supino sul margine destro dell’indicata via, era posto dietro l’autovettura di proprietà dell’ex-magistrato, presentava un colpo di arma da fuoco alla regione temporale destra ed un altro al lato destro dell’addome. Le indagini successivamente svolte in sede giudiziaria evidenziavano che il delitto era stato organizzato e portato a compimento da componenti della criminalità organizzata locale.

La sera del 25 settembre 1988, intorno alle ore 22, Antonino SAETTA, Presidente della 1ª Corte d’Assise d’Appello di Palermo, partiva in macchina assieme al figlio Stefano da Canicattì, dove la moglie esercitava l’attività di farmacista, per raggiungere la sua abitazione in Palermo. Mentre stava percorrendo la S.S. 640 in direzione di Caltanissetta, all’altezza del km. 48,500, l’autovettura del magistrato veniva affiancata da altra autovettura i cui componenti incominciavano ad esplodere colpi di arma da fuoco contro Saetta ed il figlio, così facendo per tutto il sorpasso, e provocando, tra l’altro, la rottura del parabrezza e dei vetri degli sportelli. La macchina del magistrato si fermava circa 100 metri in avanti in posizione di normale sosta, per cui, gli assassini, non sicuri che gli occupanti del mezzo fossero deceduti, scendevano dalla loro autovettura e colpivano ancora ripetutamente le vittime in modo definitivo. Saetta ha svolto una lunga carriera esercitando molteplici funzioni, quale giudice di tribunale a Caltanissetta e Palermo, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Sciacca, Consigliere di Corte di appello a Genova e Palermo, Presidente di Sezione presso la Corte di appello prima di Caltanissetta e, poi, di Palermo

Rosario Angelo LIVATINO svolgeva funzioni di sostituto procuratore della repubblica presso il Tribunale di Agrigento nel periodo del 24 settembre 1979 all’agosto 1989; in data 28 agosto 1989 veniva trasferito al Tribunale di Agrigento in qualità di giudice addetto alla sezione penale. Nell’espletamento di entrambe le funzioni, il magistrato si occupava di delicati procedimenti concernenti persone associate alla mafia. Il 21 settembre 1990 alle ore 8,45 circa, Livatino si allontanavano in macchina da Canicattì dove risiedeva per recarsi in Agrigento presso il Tribunale; giunto a 5 Km da quest’ultima località, venivano esplosi vari colpi di arma da fuoco contro di lui, il che determinava la rottura del parabrezza anteriore e del lunotto posteriore del suo mezzo. Il magistrato, rilevato di essere bloccato da altro autoveicolo, faceva marcia indietro andando ad urtare contro il gard-rail, scendeva dall’auto e fuggiva a piedi attraverso la scarpata sottostante, ove, inseguito dagli aggressori scesi da una motocicletta, veniva colpito in modo mortale.

Antonio SCOPELLITI svolgeva la carriera di magistrato nell’esercizio di funzioni requirenti, come sostituto presso la Procura della Repubblica di Roma e, per diversi anni, presso quella di Milano; veniva, poi, nominato magistrato di appello applicato alla Procura Generale della Cassazione ed in prosieguo Sostituto Procuratore Generale. Nell’espletamento sia delle funzioni di merito che in sede di legittimità, più volte era titolare, in sede requirente, di processi di notevole rilievo. In data 9 agosto 1991 verso le ore 17,25, Scopelliti, in ferie nella terra d’origine, stava percorrendo a bordo della sua autovettura la strada provinciale di collegamento tra Villa S. Giovanni e Campo Calabro, allorché era affiancato da altra vettura, dalla quale venivano esplosi due colpi di arma da fuoco che colpivano il magistrato nella parte sinistra del collo; l’auto con a bordo Scopelliti precipitava in un vigneto sottostante capovolgendosi, ed il predetto decedeva.

Giovanni FALCONE, entrato in magistratura nel 1964, svolgeva le funzioni giurisdizionali quale Pretore di Lentini, sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica di Trapani e giudice presso lo stesso Tribunale; nel luglio 1978 veniva trasferito al Tribunale di Palermo ove esercitava le funzioni di giudice istruttore penale; nell’ottobre1989 veniva trasferito alla procura della Repubblica di Palermo in qualità di procuratore aggiunto. Nel marzo 1991 era collocato fuori ruolo per assumere l’incarico di Direttore generale degli Affari Penali presso il Ministero di Grazia e Giustizia. Falcone, unitamente ai consiglieri istruttori dell’epoca e ad altri colleghi dell’ufficio istruzione, dava un impulso eccezionale alle indagini intese a circoscrivere e debellare il fenomeno mafioso. Tra le indagini più rilevanti va ricordato il processo a carico di Spatola Rosario e altri 119 imputati, avente ad oggetto i reati di associazione a delinquere, traffico di stupefacenti, ricettazione ed altri illeciti penali, con collegamenti con altre pericolose associazioni mafiose nazionali ed internazionali (la sentenza-ordinanza di rinvio a giudizio constava di 1000 pagine). Di gran rilievo, era il lavoro svolto da Falcone, unitamente ai colleghi Paolo Borsellino – Leonardo Guarnotta – Giuseppe Di Lello, nell’istruzione del procedimento penale contro Abbate Giovanni + altri 706 imputati (c.d. maxiprocesso), ai quali era contestata la perpetrazione di circa un centinaio di omicidi, l’associazione per delinquere di stampo mafioso, lo spaccio di grandi quantità di droga ed altri delitti (la sentenza-ordinanza di rinvio a giudizio constava di oltre 8000 pagine raccolte in 40 volumi). Il 23 maggio 1992, Falcone, unitamente alla moglie Francesca Morvillo anch’ella magistrato, faceva ritorno mediante aereo militare a Palermo proveniente da Roma. I predetti stavano percorrendo, a bordo di un’auto blindata scordata da altre due vetture blindate, l’autostrada che congiunge l’aeroporto di Punta Raisi con Palermo, allorché, all’altezza della località «Capaci», aveva luogo una violentissima esplosione che creava un profondo cratere nella sede stradale. Nell’occorso, perdevano la vita i due magistrati e gli agenti Rocco Di Cillo, Antonio Montinaro e Vito Schisano.

Francesca MORVILLO decedeva, appunto, assieme al coniuge Giovanni Falcone nell’attentato di Capaci il 23 maggio 1992. Nel corso della carriera, esercitava le funzioni di giudice del tribunale di Agrigento, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Palermo, di Consigliere della Corte di appello di Palermo. All’epoca dell’attentato, era componente della Commissione per il concorso di accesso in magistratura.

Paolo BORSELLINO, entrato in magistratura nel 1964, esercitava le funzioni giurisdizionali quale giudice del Tribunale di Enna, pretore di Mazara del Vallo e di Marsala; nel 1975 prendeva servizio presso il Tribunale di Palermo ove svolgeva le funzioni di giudice istruttore penale; nel luglio 1986 veniva nominato procuratore della Repubblica di Marsala, e nel marzo 1992 faceva ritorno negli uffici palermitani assumendo le funzioni di procuratore della Repubblica aggiunto. Borsellino, unitamente a Giovanni Falcone, faceva parte, nel periodo della sua permanenza presso l’ufficio istruzione penale del tribunale di Palermo, del pool di magistrati (diretto dai Consiglieri istruttori Rocco Chinnici prima, e Antonio Caponetto poi) impegnato in modo professionale elevatissimo e con una dedizione a tempo pieno eccezionale ad inquisire la criminalità mafiosa nei suoi più svariati aspetti. Il predetto, tra gli altri, istruiva il processo a carico della mafia di Altofonte con 21 imputati, quello a carico di Bonanno ed altri nove coimputati per l’omicidio in persona del capitano dei Carabinieri Emanuele Basile, il procedimento a carico di Filippo Marchese e altri 14 imputati per l’omicidio in persona del vice Questore Boris Giuliano. Partecipava all’istruzione, assieme a Giovanni Falcone, Leonardo Guarnotta, Giuseppe Di Lello, del c.d. maxi-processo contro la mafia, con 707 imputati, che imponeva ai magistrati un lavoro di indagini di assoluta complessità e delicatezza, che si concludeva con la redazione di una sentenza-ordinanza di oltre 8.000 pagine (in cui la posizione di ciascuno dei 475 imputati rinviati a giudizio veniva compendiata in apposite schede); tale imponente lavoro istruttorio consentiva una conoscenza del tutto inedita del fenomeno mafioso. Il giorno 19 luglio 1992 – domenica (a meno di due mesi dall’eccidio di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e di tre agenti della scorta), verso le ore 18, Paolo Borsellino si stava recando a visitare la madre in Via D’Amelio a Palermo; giunto davanti al portone d’ingresso scendeva dall’auto blindata sotto la vigilanza della scorta: in quel momento si verificava una deflagrazione violentissima proveniente da un’autovettura FIAT 126 parcheggiata di fronte al portone che determinava danni gravissimi alle abitazioni circostanti e a numerose vetture parcheggiate nelle vicinanze. Così il magistrato perdeva la vita, e con lui cinque agenti: Emanuela Loi, Agostino Catalano, Walter Cosina, Claudio Traina, Vincenzo Limuli.

Luigi DAGA, direttore dell’Ufficio Studi e Ricerche del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria presso il Ministero di Grazia e Giustizia, veniva inviato in missione al Cairo dal 23 al 29 ottobre 1993 per partecipare, in qualità di relatore, al VI Congresso dell’Associazione egiziana di Diritto Criminale. Il magistrato avrebbe dovuto svolgere una relazione nell’ambito della tavola rotonda sul nuovo codice penale francese ed il progetto di riforma del codice penale italiano. Il 26 ottobre, il predetto subiva un sanguinoso attentato presso l’Hotel Semiramis de Il Cairo, che ne provocava poi, il decesso in Roma il successivo 17 novembre 1993. Daga, che ha trascorso una lunga parte della sua carriera presso gli uffici dell’Amministrazione Penitenziaria, era uno studioso e profondo conoscitore, apprezzato in sede internazionale, di ogni problematica del «carcere» e del mondo penitenziario.

Non dimentichiamo inoltre i 29 carabinieri e poliziotti morti per la difesa dei magistrati

Fonte: ufficio studi del CSM

Questa considerazione fatta dalla amica Martina sulla approvazione dela legge salvaberlusconi, merita di essere tramandata…

Considerando che quel nano di merda sarà al potere fino alla sua morte naturale, e per il dopo avremo tutta la schiera di figli di prime, seconde, terze quarte nozze, l’unica cosa da fare è andarsene. Questo è stato da sempre un

paese di razza bastarda, antropologicamente, politicamente, geograficamente. Poi ogni tanto arriva un cialtrone che si fa bello e conquista tutto il paese e faquel che vuole: un po come quando tiri le palline di mollica all’orso spelacchiato e quello, che sta in gabbia da vent’anni, ti adora per quel gesto magnanimo…

Io dovrei pensare di mettermi nei debiti per comprare una casa, mettere su famiglia, fare un figlio in questo paese? Dico, stiamo scherzando? Qui non c’è solo la fuga di cervelli, qui c’è la fuga e basta. Mi fanno ridere quelli che dicono “no, devi rimanere e combattere”. Si, ecco, bravi, combattete pure ma solo fino alle sette perché dopo c’è Affari tuoi e Il Grande Fratello….
ITALIANI DI MERDA!